Bollicine di gran classe per la presentazione, in Campania, di Prosecco Casanova prodotto da un’azienda giovane, ma con una grande tradizione alle spalle, attiva nel cuore della Marca Trevigiana, a Valdobbiadene, nel territorio in cui viene prodotto il famoso Prosecco DOCG di Valdobbiadene e Conegliano. Nella suggestiva cornice di Villa Althea, sulle colline casertane, mercoledì 20 maggio, dalle 20 in poi, si incontreranno ristoratori, albergatori, titolari di bar ed enoteche, sommelier, addetti ai lavori e appassionati per una raffinata degustazione di proposte locali abbinate al Prosecco Casanova un brand che identifica uno stile di vino, un modo di bere, un momento di consumo fresco e piacevole.

Si tratta di un vino antico «fatto a mano» e, al tempo stesso, moderno, fresco e vivace. Come la bottiglia, bella fuori e buona dentro che già a prima vista, rende l’idea di un’ immagine «fashion» e «stylosa» che seduce vista e palato. Così come sarà la serata nella location di Villa Althea (Ponte Volturno, Bellona, Caserta) dove non mancheranno i prodotti del territorio insieme ai tre tipi di Prosecco Casanova: D.o.c., D.o.c.g Grand Prestige e Rosè: in particolare la mozzarella Dop del caseificio Rivabianca di Paestum (Salerno). Nel corso del gala, accompagnato da un sottofondo musicale, saranno illustrati altri dettagli sull’azienda che fa capo alla Carat Lux con sede legale a Londra mentre si ammirerà il perlage di sottilissime bollicine che muoveranno nei calici di Prosecco Casanova. Un vino con stile, elegante e raffinato, creato da artisti di fama mondiale, con uno stile che fa la differenza. Con l’unione di tutti questi elementi Prosecco Casanova è «l’Arte dentro la passione». Adatto a ogni brindisi augurale, per rendere più festosa una cerimonia, più allegra ogni festa, più solenne ogni incontro, Prosecco Casanova è davvero l’inimitabile suggello ai momenti belli della vita che coniuga perfettamente una chiara matrice territoriale con eleganza e profondità. Tra gli obiettivi dell’azienda, quello che, presto, nei locali, alla domanda «Gradisce un Prosecco?» si possa rispondere «No, grazie: un Casanova».

articolo di: corrieredelmezzogiorno.corriere.it
media: Prosecco Casanova